Progetti

PROGETTO TEMPO SERENO per la famiglia e il lavoro (01/09/2017)


Progetto “Tempo sereno, per la famiglia e per il lavoro”

 
Il progetto nasce da uno stimolo dell’Azienda Speciale Consortile Valle Imagna – Villa d’Almè nei confronti di alcune realtà del territorio sensibili ai temi della conciliazione dei tempi di lavoro e della famiglia.
La cooperativa Alchimia ha accolto tale proposta e coinvolto undici soggetti del territorio nella lettura dei bisogni e nella definizione di obiettivi, azioni per la stesura del progetto.
I partner sono i seguenti:
  1. Partner effettivi
    1. Associazione spazio famiglia onlus
    2. Azienda speciale consortile Valle Imagna - Villa d’Almè
    3. Cooperativa sociale AEPER
    4. Cooperativa sociale Alchimia (CAPOFILA)
    5. Cooperativa sociale Giovani Orme
    6. Cooperativa sociale Lavorare insieme
    7. Cooperativa sociale Pugno Aperto
    8. Parrocchia Almenno San Salvatore

    Partner associati
    1. Comune di Almenno S. Salvatore
    2. Comune di Valbrembo
    3. Istituto Comprensivo Almenno San Salvatore
    4. Istituto Comprensivo Paladina

     
Il progetto persegue l’obiettivo di favorire la conciliazione dei tempi del lavoro con i tempi di vita delle famiglie, che hanno figli minori di età compresa tra 0 a 14 anni.
Le attività consistono nel potenziare e qualificare la filiera dei servizi socioeducativi rivolti all’infanzia (0-6 anni) e la filiera dei servizi pre-post scuola, mensa e i servizi extrascuola per i bambini e i ragazzi (6-14 anni).


Il progetto realizzerà:
  • La copertura del servizio di asilo nido (paladina) durante l’intero anno, anche durante l’estate e le festività
  • L’ampliamento e l’allungamento dell’orario di alcuni servizi per l’infanzia
  • L’avvio di due servizi extrascuola in territori scoperti
  • Il potenziamento di due spazi compiti esistenti, garantendo la presa in carico in continuità con l’orario scolastico, fornendo il servizio mensa e prolungando l’orario fino al tardo pomeriggio
  • L’ampliamento dei alcuni servizi spazi compiti a tutti i richiedenti e non solo ai bambini segnalati dalle scuole
  • La sperimentazione di servizi extrascolastici per l’inclusione di bambini disabili
  • Il coordinamento dei servizi extrascuola del territorio
  • La formazione dei volontari coinvolti nella gestione dei servizi extrascuola
  • L’avvio di uno sportello di conciliazione 
Questo progetto si integrerà con le progettualità promosse dall’alleanza di conciliazione esistente nell’ambito territoriale.